Vi sono molteplici aiuti comunali e statali che consentono di “alleggerire” le spese da affrontare per la riqualificazione energetica e il recupero edilizio.

Detrazioni per la riqualificazione energetica

Grazie alla proroga della legge di stabilità  2017 sarà possibile usufruire delle per il Risparmio Energetico nella misura del 65% fino al 31.12.2017 per interventi effettuati su singole unità immobiliari. Per gli interventi di riqualificazione energetica che riguardano le parti comuni degli edifici condominiali, la detrazione del 65% è allungata fino al 31.12.2021, e potrà salire al 70% se l’intervento interessa almeno il 25% dell'involucro edilizio e al 75% se l’intervento è destinato a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva delle parti comuni condominiali.

Sono oggetto di detrazione gli edifici e le unità immobiliari residenziali esistenti. Potranno godere dell’agevolazione coloro che hanno l’immobile in comodato, persone fisiche, società di persone, società di capitali, associazioni tra professionisti, condomini, inquilini, enti pubblici ed enti privati; sono esclusi enti che svolgono attività commerciale e i titolari di reddito d’impresa che non esercitano nei fabbricati la loro attività.

Sarà possibile detrarre il 65% di tutte le opere funzionali per la realizzazione dell’opera come ad esempio: opere provvisionali per la sicurezza, mano d’opera e materiali. Praticamente, sarà possibile detrarre dall’intero importo 10 rate con cadenza annuale.

Link pagina normative-isolamento

Detrazioni per il recupero edilizio

Grazie alla proroga della legge di stabilità 2016 sarà possibile usufruire delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni nella misura del 50% fino al 31.12.2017.

Saranno ammesse solo unità immobiliari residenziali esistenti, individuati dalla categoria catastale A, e tutte le pertinenze (box e tettoie).

Avranno accesso alle detrazioni le persone fisiche che sostengono spese per l’imposta sul reddito (IRPEF). Potranno godere all’agevolazione i soggetti che sosterranno la spesa, ossia coloro che hanno l’immobile in comodato, proprietari, condomini e inquilini.

Sarà possibile detrarre il 50% di tutte le opere funzionali per la realizzazione dell’opera come ad esempio: opere provvisionali per la sicurezza, mano d’opera e materiali. Praticamente, sarà possibile detrarre dall’intero importo 10 rate con cadenza annuale.

Iva agevolata

Fondamentale l’aiuto statale con la riduzione dell’IVA applicata al 10% per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici a destinazione abitativa e per gli interventi di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione di tutti gli edifici. In fine, per la prima casa, l’IVA applicata è al 4%.